Chi Sono

Psicologo e psicoterapeuta laureato a Padova nel 2007, iscritto all’Albo degli Psicologi della Regione Basilicata n. 493 e specializzato in Psicoterapia Umanistica Esistenziale presso l’I.P.U.E. (Istituto di psicologia umanistico esistenziale “Luigi De Marchi”) nel 2013.
Nato a Maratea (PZ), il 28 novembre del 1981.
L’interesse per l’animo umano nasce negli anni della scuola.

Da qui non ho più interrotto il viaggio della formazione e della messa in gioco in prima persona nella pratica clinica.

  • 2007 – Tirocinio professionalizzante all’ospedale di Chiaromonte (PZ) presso il centro dell’Alcologia CDA e il centro dei disturbi alimentari DCA.
  • 2008-2014 – Psicologo presso il Centro Accoglienza “L’Ulivo” di Tortora (CS), comunità per persone con problematiche di dipendenza da sostanze e comportamenti.
  • 2012-2016 – Esperto Senior Psicologo in diversi progetti di prevenzione nelle scuole.
  • 2013 ad oggi – Psicoterapeuta libero professionista.
  • 2014 – Volontariato in Oncologia presso l’INCA (Istituto Nacional de Cancer) di Rio de Janiero.
  • 2015 ad oggi – Volontariato in Osservazione Psichiatrica giudiziaria – Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli (NA), con lo psichiatra Gilberto Di Petta, presidente della Società Italiana per la Psicopatologia Fenomenologica.
  • 2016 – Psicologo nell’ambito Interculturale e delle Migrazioni presso C.A.R.A. (centro accoglienza richiedenti asilo) “Uliveto” di Atena Lucana (SA).

Attualmente continuo l’attività come libero professionista in più sedi del sud Italia, con l’impegno costante dell’aggiornamento professionale e una volontà: continuare a esplorare il mondo della psicologia!

ESSERCI Arte della Psicologia

“Siamo più vicini all’Arte che alla Scienza.”

Bruno Callieri

ESSERCI è un progetto nato nel 2013, all’alba del mio divenire Psicoterapeuta.
Ora vedi e visiti uno spazio virtuale, ma ESSERCI è uno spazio innanzitutto ‘autentico’.
È l’integrazione di quello che mi ha sempre entusiasmato nella vita: la psiche, il corpo, la creatività e la relazione.
La congiunzione vitale degli aspetti fondanti di ogni uomo.
Per questo ho deciso di creare questo spazio come un luogo intimo, dove fare dono di ciò che sono e ricevere ciò che siamo: esseri umani nel mondo.
In questo spazio vorrei creare un dialogo, vorrei parlare delle mie esperienze come uomo e come psicologo e vorrei ascoltare le tue esperienze.
In questo spazio ci sono io, ci sei tu, ci sono le persone che incontro: ci siamo noi.
Credo nella relazione. Non in quella virtuale, ma nella relazione tra cittadini digitali.
Credo nei media come mezzi di questa relazione e come possibilità di espressione e di comunicazione.
Credo nella condivisione gratuita e nell’arricchimento gratificante della cosa più preziosa: l’incontro umano.
Per questo e per tanto altro ancora, questo spazio ha senso di esistere. Di ‘ESSERCI’.

La psicologia Umanistica Esistenziale

La persona è l’insieme di molti elementi. Ci sono tra questi corpo e mente, cuore e anima. L’integrazione di questi ultimi è spesso delicata, se non dolorosa. Ciascuno di noi poi è un mondo di significati e di storie. Sono molti i momenti della vita difficili, sofferti, confusi.
L’aiuto psicologico, dimostrato dalle neuroscienze così come dalle esperienze dirette di chi ha usufruito di questo aiuto, offre una valida possibilità per riprendere la strada della crescita personale e della realizzazione di sé stessi, il vero sé, favorendo il benessere psicofisico e sociale.
Tutti hanno bisogno di ascolto, di non giudizio e di esprimersi liberamente. Tutti possono trovare uno spazio e un tempo per sé stessi.
Ritrovare e ritrovarsi in nuove risposte, nuove possibilità e nuovi significati della vita.
Curare le proprie relazioni. Con gli altri, ma in primo luogo con noi stessi.

Cos’è per me il BENESSERE

Ho pensato a 3 “A”, tre parole che possono descriverlo e aiutarci a non perderlo mai come obiettivo. E sono:

  • ANIMA, come soffio vitale, respiro, unione con il mondo.
  • AMORE, per noi stessi e per il prossimo (come te stesso), amore come appartenenza (e non come possesso), amore come “Amor Fati” di cui parlava Nietzsche.
  • ARTE, come creazione nei momenti d’ispirazione e di crisi, come artigianato, come la nascita e la creazione di una perla (non in quanto perfezione, bensì metafora del dolore che si trasforma in bellezza).

E poi gioco, teatro, musica…
Ma soprattutto un ultima “A”: ALTRO. Senza l’altra persona nessuna delle tre cose scritte sopra può concretizzarsi, avere un senso.